Home » La cascata delle Marmore: non tutti sanno che…

La cascata delle Marmore: non tutti sanno che…

La cascata delle Marmore è un angolo di paradiso incastonato nel favoloso Parco Naturale della Cascata delle Marmore. Un itinerario tra storia, natura, leggenda, percorsi naturalistici, grotte e scenari mozzafiato.

La cascata delle Marmore: non tutti sanno che…

Per vivere a tutto tondo l’emozione della prima visita alla cascata delle Marmore è senz’altro preferibile affidarsi alle tante guide autorizzate la cui disponibilità potrete verificare direttamente presso la biglietteria centrale.
Qualora vogliate invece godervi la visita in autonomia, date un’occhiata a queste “pillole” su alcune curiosità del monumento naturalistico tra i più visitati d’Europa.

Dove si trova la Cascata delle Marmore ?

La Cascata delle Marmore si trova a soli 7 km dalla città di Terni, in Umbria. Questo piccolo paradiso sorge inaspettato quasi a bordo della statale 209 della Valnerina, la valle scavata dal fiume Nera.

La Cascata è formata dalle acque del fiume Velino che defluiscono dal vicino lago di Piediluco e si gettano nelle gole del Nera. Il Parco Naturale in cui è incastonata vanta paesaggi incredibili, terrazze che si affacciano sulla cascata e sentieri piacevolissimi immersi nella natura.

La cascata delle Marmore

Perché si chiama “Cascata delle Marmore”?

L’ipotesi più accreditata sull’origine del nome “Marmore” è che derivi dai sali di carbonato di calcio presenti sulle rocce, che, conferendogli il caratteristico colore bianco, le rendono simili al marmo. La somiglianza era così forte che in principio si pensava fosse realmente marmo.

La leggenda amorosa della Cascata delle Marmore

Sulle origini della cascata c’è una leggenda molto romantica. Protagonista è una ninfa di nome Nera, che si innamorò del giovane pastore Velino. Per i due era difficile frequentarsi perché appartenevano a due mondi troppo diversi. Giunone, infuriata, trasformò la ninfa Nera in un fiume perché aveva trasgredito le regole che non consentivano l’amore con gli esseri umani.

Velino distrutto dalla dolorosa perdita si gettò a capofitto dalla rupe di Marmore credendo che Nera stesse annegando in quelle acque che prima non c’erano. Giove, per evitargli morte certa, durante il volo lo trasformò in acqua, così da salvarsi e ricongiungersi con Nera per l’eternità. Proprio quel salto, di struggente amore, avrebbe formato la celeberrima cascata.

La cascata delle Marmore

La Cascata ha origini antichissime, risalenti addirittura al 271 a.C., in epoca romana. In questo periodo infatti il console romano M. Curio Dentato ordinò la costruzione di un canale per far defluire le acque stagnanti del Velino verso il Nera, deviando il corso del fiume e formando la Cascata delle Marmore. Il canale era stato reso necessario dai gravi problemi creati dal passaggio del Velino nella pianura Reatina, la cui particolare conformazione del terreno creava una palude stagnante pericolosa per la popolazione residente.

La vera storia della Cascata delle Marmore

Con il tempo, altri interventi sono stati effettuati per contrastare gli allagamenti nel periodo di piena dei due fiumi, che causavano non poche avversità agli abitanti delle zone circostanti. Vennero costruiti due nuovi canali, uno nel 1422 realizzato dall’ingegnere Aristotile Fioravanti, e uno nel 1547 da Antonio Da Sangallo, ma il pericolo di inondazioni continuò a persistere ancora.
Fu solo con altri due interventi, nel 1601 e nel 1787 che la Cascata assunse il suo aspetto attuale.

Nel XIX secolo le acque della cascata cominciarono a essere utilizzate per la loro forza motrice: nel 1896, le neonate Acciaierie di Terni alimentavano i loro meccanismi sfruttando 2 m³ d’acqua del Cavo Curiano. Negli anni successivi, la cascata cominciò a essere sfruttata intensamente per la produzione di energia idroelettrica.

La cascata delle Marmore

Tanti percorsi naturalistici, anche gratuiti

La Cascata delle Marmore, con i suoi 165 metri d’altezza complessiva, è la cascata più alta d’Europa. Ma non solo. Detiene anche il primato di salto artificiale più alto del Mondo (primato conteso dalla cascata artificiale del Liebien, in Cina). Il salto massimo della Cascata delle Marmore è di 85 metri e la sua portata media è di 15 m³/s di acqua. Da record è anche il numero di visitatori (paganti) che attrae ogni anno: circa mezzo milione!

Oltre ai sei sentieri ricompresi all’interno dell’area della cascata e che potrete percorrere una volta entrati dai varchi a pagamento, vi suggeriamo di non perdervi altri due percorsi estremamente suggestivi e di grande impatto naturalistico. Essi partono direttamente dalla zona retrostante il grande parcheggio autoveicoli e sono gratuiti.

La cascata delle Marmore

Uno dei due percorsi vi porterà al parco di archeologia industriale di cui vi abbiamo accennato sopra; l’altro, decisamente più pianeggiante, vi permetterà di costeggiare la Valnerina e il fiume che le dà il nome (il fiume Nera), immersi nel verde e abbracciati dal silenzio. Per i più allenati c’è la possibilità di raggiungere attraverso questo lungo percorso i borghi che affacciano sulla valle, da Arrone a Casteldilago fino anche al paese delle mummie, Ferentillo. Buona camminata!

Il balcone degli innamorati

Se visiterete la cascata con il vostro amato, o la vostra amata, non potete assolutamente perdervi l’affaccio dal balcone, situato circa a metà del sentiero n° 1. Vi suggeriamo di accedervi con una felpa, anche in estate e, soprattutto, con una giacca antipioggia. Da qui infatti avrete una vista mozzafiato del getto impetuoso dell’acqua. E’ d’obbligo, una volta arrivati al suggestivo e impetuoso affaccio, toccare “con mano” l’acqua del fiume Velino che vorticosamente precipita a valle.

cascata delle Marmore -balcone degli innamorati

Casteldilago e l’isola “che non c’è più”

Quando fu creata artificialmente la cascata, il getto era talmente impetuoso e abnorme che si originavano degli estesi allagamenti a monte della Valnerina. La graziosa frazione di Casteldilago (noto anche come borgo di San Valentino), poco distante dalla cascata, veniva allagata alle pendici, tanto da apparire ai viandanti come una vera e propria isola. Pare che anche il nome sia scaturito da questa particolarità.

Alla visita di Casteldilago si può abbinare una sosta al “Santuario della Madonna dello Scoglio”( nei dintorni) che si erige su una roccia a strapiombo da cui si domina una vasta porzione della Valle del Nera.

Il parco di archeologia industriale

Una volta terminata la salita fino al belvedere superiore, se avete ancora del tempo, vi suggeriamo di visitare, prendendo il sentiero n° 5, il parco en plein air. Vi troverete immersi in un vero e proprio museo a cielo aperto, che riunisce sei grandi manufatti provenienti dalle centrali idroelettriche di Galleto e Narni. Oltre alla piacevole passeggiata, potrete godere di altri meravigliosi scorci panoramici della cascata e della vallata sottostante, la Valnerina.

La cascata delle Marmore

Magia e illusionismo

La cascata e le sue vasche sono state scenario per famosi numeri di illusionismo ed escapologia, ossia la capacità di un artista, spesso un prestigiatore, di sapersi liberare da costrizioni fisiche e ambientali. Il mago Haldin e, più recentemente, il mago Casanova, hanno presentato qui molti dei loro incredibili esperimenti.

presepe vivente cascata delle marmore

Presepe vivente e Cascata delle Marmore

Se trascorrerete la vostra vacanza di Natale nel territorio umbro, mettete in programma di tornare a visitare la cascata in notturna, per le rappresentazioni del presepe vivente.
Lo scenario della Cascata delle Marmore, già di per sé suggestivo e affascinante, diventa ancor più avvolgente e l’atmosfera vi riporterà indietro di duemila anni.
E’ infatti riprodotta fedelmente una città palestinese, con le varie locande dove Maria e Giuseppe chiesero ospitalità. Vicino al secondo salto è costruita la grotta della Natività.
Vi suggeriamo di verificare con attenzione gli orari e le date delle rappresentazioni e, visto il naturale grado di umidità della location, di coprirvi adeguatamente!

a cura di Marco Vescarelli

Per saperne di più: Umbriaexperience

Cascata delle Marmore official site

Seguici QUI sulla nostra pagina Facebook QUI sul nostro profilo Instagram.

Visita lo SHOP

Torna alla HOME PAGE