Home » Come risparmiare energia in cucina
risparmiare-energia-in-cucina

Come risparmiare energia in cucina

Come risparmiare energia in cucina per ridurre il consumo di corrente e gas con qualche piccolo trucchetto che forse non conoscevi!

Da un po’ di tempo, pensando alla bolletta dell’energia elettrica e del gas, abbiamo smesso di chiederci “quanto dovrò pagare?”. La domanda ricorrente nell’attesa che arrivi la temuta fattura è ora “quanto potrà aumentare?”

L’irragionevole lievitazione dei prezzi grava sempre più sui bilanci famigliari e impone l’adozione di alcuni accorgimenti per ridurre quanto più possibile i consumi.

Non è necessario stravolgere le nostre abitudini né cambiare radicalmente il nostro approccio ai fornelli.

Seguendo alcuni semplici consigli si può arrivare a fine mese togliendo qualche banconota in meno al nostro portafogli.

Ecco come risparmiare energia in cucina:

  • Privilegiare il più possibile la pentola a pressione per cuocere i cibi. Questo dispositivo consente di dimezzare i tempi di cottura lasciando inalterate le proprietà nutrizionali degli alimenti. Sul mercato se ne trovano svariati modelli, a prezzi sempre più accessibili.
  • Un altro modo efficace per minimizzare il consumo di energia è la cottura a vapore con il cestello. Sfruttando il vapore generato da una piccola quantità d’acqua sul fondo di una pentola è possibile cuocere contemporaneamente più alimenti. Il risparmio è evidente, sia di gas che di tempo passato davanti ai fornelli.
  • Analogo risultato si ottiene effettuando la cottura in forno di due o più vivande. Basta organizzarsi un po’ programmando le cose da cucinare per infornarle insieme e averle pronte in metà del tempo.
  • E’ possibile cuocere i cibi anche semplicemente sfruttando il calore iniziale generato nella pentola. In questi casi si parla di cottura passiva. E’ una tecnica molto semplice e per alcuni alimenti, prima fra tutti la pasta, si rivela sorprendentemente efficace.
  • Un altro accorgimento, tanto valido quanto facile da praticare, consiste nel trattenere il calore in pentole e padelle posizionandoci il coperchio. Lasciare scoperti i dispositivi durante la cottura comporta una inutile, dispendiosa dispersione di calore. Dispersione evitabile con un gesto piccolo che, se ripetuto, garantisce grandi risultati.
  • Un po’ di attenzione merita anche la fase di preparazione dei cibi prima di metterli sui fornelli. Ove possibile, è bene ridurre le dimensioni degli ingredienti tagliandoli in piccoli pezzi. In questo modo il calore penetrerà più rapidamente al loro interno riducendo i tempi di cottura.
  • Per ridurre il consumo di gas in molti casi basta solo moltiplicare le dosi di primi piatti, pietanze e contorni conservabili in frigo. Aumentare le porzioni delle vivande ci consente di consumarne una parte appena cotte e avere le altre già pronte per i giorni a venire.
  • Per chi è disposto a fare un piccolo investimento, il piano ad induzione può essere una valida alternativa ai fornelli tradizionali. Funziona grazie a una bobina, la quale genera un campo magnetico che agisce direttamente sulla base delle pentole provocandone un aumento di temperatura. I tempi di cottura in questo modo si riducono notevolmente e con essi anche il consumo di energia.

Per non perdere nessuna ricetta, metti “like” sulla nostra pagina Facebook

e seguici sul nostroprofilo Instagram.

Torna alla HOME PAGE