Tranci di pesce spada alla ghiotta

Il pesca spada alla ghiotta è un secondo piatto di pesce saporito e gustoso, molto semplice da cucinare.

Il pesce spada è un pesce magro dalla carne compatta e soda che ben si presta ad essere accompagnato da un buon sugo di pomodoro ed olive, da raccogliere poi con il pane fresco!

Potete preparare questa squisita ricetta sia con il pesce spada fresco che con quello surgelato.

Ingredienti per 4 persone:

  • 4-5 tranci di pesce spada fresco (o surgelato)
  • due barattoli di polpa di pomodoro
  • un ciuffetto di prezzemolo
  • 3 cucchiai di olive Taggiasche
  • uno spicchio d’aglio
  • olio extravergine d’oliva qb
  • sale
  • pepe
  • peperoncino in polvere

Tranci di pesce spada alla ghiotta

Preparazione

  1. Per fare il pesce spada alla ghiotta, per prima cosa bisogna preparare il sugo.
  2. In una padella fate scaldare 3-4 cucchiai di olio con lo spicchio d’aglio e i gambi del prezzemolo. La parte alta delle foglie le aggiungeremo successivamente a crudo.
  3. Dopo circa 3-4 minuti unite la polpa di pomodoro. Aggiungete del sale, pepe, un po’ di peperoncino in polvere, coprite con il coperchio e fate cuocere per circa 15 minuti.
  4. A questo punto adagiate nel sugo i tranci di pesce spada e le olive taggiasche. Se utilizzate il pesce spada congelato è meglio farlo prima scongelare in modo che perda parte della sua acqua.
  5. Coprite di nuovo con il coperchio e fate cuocere per altri 15-20 minuti.
  6. Verso fine cottura, assaggiate il pesce ed il sugo ed aggiustate di sale se occorre. Eliminate i gambi di prezzemolo e l’aglio.
  7. Una volta che il pesce è cotto e ben amalgamato nel suo sugo, spegnete il fuoco e distribuite sopra una manciata di prezzemolo tritato. Il piatto è pronto!

    Se dovesse avanzarvi del sugo, è ottimo per condire della pasta!

Tranci di pesce spada alla ghiotta

One Comment

  1. rosery

    Davvero invitanti! Bella ricetta, facile e gustosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*